Presentazione del libro “Omaggio alla Fragilità” di Alfio Cascioli

Domenica 21 settembre, alle ore 17.30, presso i locali del Centro Speranza di Fratta Todina (Pg), si terrà la presentazione del nuovo libro del Prof. Alfio Cascioli “Omaggio alla fragilità. Per scoprire nella fragilità la nostra vera forza e vivere pienamente la vita” edito da Franco Angeli nella collana “Le Comete”.

Alfio CascioliPsicologo del lavoro e psicoterapeuta, Cascioli è autore di numerosi libri di cui il tema dominante è la qualità della vita delle persone.
L’autore, nel libro, s’interroga su una domanda precisa: che cosa ci può aiutare a essere più forti nel prendere in mano la nostra vita e renderla più felice?
Esperienze e ricordi, che lo hanno colpito profondamente da sollecitarlo a dedicare pensieri, riflessioni e passione al tema della fragilità.

Con un’intervista a Margherita Hack sulla fragilità dell’universo, e “Il sole che sorge a Fratta Todina” capitolo dedicato al Centro Speranza, Cascioli nel suo libro intraprende un percorso che, in ultima battuta, conduce a una certezza assoluta: è l’amore per cui vale la pena vivere.

Saranno presenti Catiuscia Marini presidente della giunta regionale; Don Carmine Arice direttore dell’Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute CEI; Bruna Grasselli docente della Cattedra di didattica e Pedagogia Speciale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi Roma Tre, Gianfranco Castellani direttore Sanitario del Centro Speranza. Sr. Graziella Bazzo coordinatrice pedagogica e gli operatori del Centro Speranza leggeranno testimonianze tratte dal capitolo “Il sole che sorge a Fratta Todina”.

Modera l’incontro, Giuseppe Antonucci coordinatore delle risorse umane del Centro Speranza e presidente dell’Associazione Madre Speranza Onlus.

“Il nostro contributo – spiega la coordinatrice pedagogica del Centro Speranza, Sr. Graziella Bazzo – è stato quello di partire dal vissuto quotidiano, di chi ogni giorno è chiamato ad “educarsi alla fragilità” e si impegna a coniugare professionalità ed “educazione alla fragilità”, sottolineando il valore non tanto del fare, quanto dell’essere e dell’esserci nel rapporto educativo. Tutto ciò ha come conseguenza diretta pensare al “problema della diversità” come un’opportunità di conoscenza e di riflessione promuovendo un nuovo senso esistenziale e una qualità della vita della persona disabile. La persona con disabilità – aggiunge sr. Graziella Bazzo – “ci interroga” proprio su una questione tanto importante qual è la nostra sensibilità. Ci mette davanti a noi stessi, alle nostre fragilità, alle nostre paure, ai nostri “non so”, alla nostra difficoltà di condividere la vita con chi ci sta accanto, ai nostri cali di entusiasmo e motivazione che, ciclicamente, possono presentarsi. Possiamo “spogliarci” di tutto questo, se abbiamo la forza e il coraggio di educarci alla tenerezza e alla gratuità, e i primi a darci una mano in quest’arduo cammino sono proprio coloro che sono “apparentemente i più fragili”

 

Programma

ore 17.00 accoglienza, presso la sala multifunzionale del Centro Speranza
ore 17.30 presentazione del libro
dibattito
ore 19.00 apericena

condividi su Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

 

Pubblicato in appuntamenti
DONA ORA