Immagini in movimento

Immagini in movimento

“La disabilità non è una coraggiosa lotta è un’arte, è un modo ingegnoso di vivere”

Neil Marcus

Sono quattro le donne con diverse abilità del Centro Speranza che sono state coinvolte nei mesi che vanno da febbraio a giugno 2015 nel progetto “Immagini in movimento”. Sidorela, Rita, Cinzia, Sabrina, Giuliana e Cosima hanno partecipato con grande entusiasmo alle attività di Danza-movimento terapia in cui sono stati inseriti elementi di arteterapia.

La Danza-movimentoterapia da la possibilità alle persone con disabilità di apprendere nuovi modi di esprimere se stesse attraverso la comunicazione non-verbale fatta di sguardi, sorrisi e contatti.

Queste attività consentono loro di diventare più consapevoli del proprio corpo superando un disagio fisico o mentale. L’espressione attraverso la danza e la musica consente di acquisire maggiore spontaneità e sicurezza, rafforzando il tessuto affettivo-relazionale e il piacere della comunicazione, dello scambio.

Ogni donna ha partecipato in maniera attiva, con le proprie qualità, e la propria sensibilità alle forme di espressione artistica proposte dalle due terapiste. Attraverso la danza, il disegno e la musica hanno dato vita ai quattro elementi della vita: acqua, aria, terra e fuoco.

Ylenia D’aniello, terapista di Danza-movimento terapia, ci racconta le emozioni e la sensibilità delle 6 donne; “Sidorela mi ha stupito, perché nonostante la sua timidezza, ha rivelato una grande forza vitale.

Rita, che all’inizio non era molto contenta di partecipare poiché il laboratorio si svolgeva nell’orario della sua pausa caffè, poi è diventata puntuale e precisa, partecipando con entusiasmo e svelando una grande ironia nascosta sotto il suo tipico broncio.

Cinzia, presa dai suoi mille amori platonici, ha dedicato ogni volta i disegni ai suoi innamorati ed ha eseguito anche danze articolate.

Sabrina, nonostante la sua calma speciale che la contraddistingue, giungeva di corsa agli incontri, i suoi elaborati erano ricchi di colore, le sue danze armoniose.

Giuliana, ha rivelato un innato talento artistico ed era così entusiasta del laboratorio che ha chiesto di iniziare alle sette della mattina!

Cosima, che all’inizio non voleva partecipare perché preferiva fare il suo “macciaccio” (come lei pronuncia la parola massaggio) alla fine, ha apprezzato il laboratorio talmente tanto, che, l’ultimo giorno, si è esibita in una danza eccezionalmente bella: muovendosi liberamente nello spazio senza nulla da invidiare a una ballerina contemporanea, mi ha fatto commuovere.”

Incontrare queste donne e vederle esprimersi con tanta libertà ci da la possibilità di apprezzare la loro natura pure e semplice, capace di una sincera gratitudine. Ci insegnano ad andare all’essenziale, ad apprezzare le piccole cose.

SAM_4097 DSCN5113 SAM_4136

Condividi suTweet about this on TwitterShare on Facebook