5×1000 al Centro Speranza: Gianluca e la sua famiglia, testimonial della nuova campagna di sensibilizzazione

Una firma per essere sempre a fianco dei bambini disabili e delle loro famiglie.

Il Centro Speranza chiede il sostegno dei cittadini e lancia la campagna 5X1000 insieme a dei testimonial speciali: Gianluca e la sua famiglia, composta da mamma Chiara, papà Alessio e i due fratelli Gabriele e Alysia, 15 e 6 anni.

La famiglia di Gianluca ogni giorno affronta con grinta, amore e un pizzico di buonumore le sfide, le difficoltà e le opportunità che la disabilità comporta, perché sulla loro strada hanno incontrato le suore, gli operatori e i volontari del Centro Speranza.

Come loro, sono tante le famiglie del territorio che in questi 35 anni hanno avuto modo di accedere ai servizi del Centro voluto dalla beata Madre Speranza ed essere sostenuti da un’equipe di circa 60 figure specializzate nel campo della disabilità, che garantiscono la multidisciplinarietà e la possibilità di proporre progetti educativi e riabilitativi individualizzati.

Per questo motivo, la famiglia di Gianluca ha desiderato raccontare la propria esperienza e chiedere ai cittadini a nome anche di tutte le altre famiglie che il Centro Speranza sostiene, una firma per essere #sempreconloro come recita l’hashtag della nuova campagna 5×1000.

Il 5 per mille fa la differenza per il Centro Speranza perché contribuisce concretamente a sostenere la qualità delle attività riabilitative ed educative rivolte a ognuno degli assistiti, garantendo la presenza di educatori professionali, terapisti della riabilitazione, operatori socio sanitari, un assistente sociale, due psicologhe e, la presenza materna e competente dedita al servizio delle suore Ancelle dell’Amore Misericordioso. Ogni anno i contributi economici derivanti da questo importante strumento di sussidiarietà si sono concretizzati in innovazioni e progressi realmente tangibili e fondamentali per le persone con disabilità.

Al Centro Speranza ci si prende cura, giornalmente, di circa cento assistiti, offrendo servizi diagnostici, riabilitativi, educativi, percorsi di crescita e di supporto psicologico per il benessere psicofisico di persone con disabilità fisiche, psichiche, multisensoriali e di bambini e adolescenti con disturbi del comportamento e del neurosviluppo. Il Centro Speranza è poi attento ai bisogni emergenti della popolazione locale, in particolare della Media Valle del Tevere, per questo motivo sta differenziando le attività con servizi privati rivolti all’età evolutiva.

Grazie al contributo dell’Associazione Madre Speranza Onlus, la raccolta fondi permette la continuità e la qualità del servizio offerto dal Centro Speranza ed è possibile sostenere questa importante risorsa che opera per il bene dei fratelli più fragili, anche scegliendo di destinare il 5×1000 dell’Irpef riportando il codice fiscale 94088450542 Un gesto semplice e gratuito, una firma da apporre sui moduli della dichiarazione dei redditi (730, Unico e CUD).

 

La storia di Gianluca

Gianluca è un ragazzo di 16 anni dolce, sorridente e socievole, anche se la sua situazione fisica e cerebrale è compromessa dalla nascita. Questo significa che Gianluca non può camminare, non parla e le sue funzioni cognitive sono limitate. Nonostante ciò, Gianluca è un adolescente pieno di risorse e voglia di vivere. La sua presenza è un dono per la sua famiglia, specialmente per i suoi fratelli, Gabriele e Alysia; insieme formano una squadra bella e vivace!

Gianluca usa simbli di CAA per esprimersi

Gianluca è aiutato ad esprimersi e comunicare attraverso un sistema di Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA) con simboli che gli permettono di comunicare le sue necessità, desideri e paure.

Gianluca frequenta il servizio riabilitativo diurno del Centro Speranza da quando era piccolo. I primi anni – racconta la mamma – ha messo tutti a dura prova; piangeva tanto ed era sempre irrequieto. Oggi con l’aiuto degli educatori, dei terapisti e delle suore, Gianluca è riuscito ad iniziare un percorso educativo di crescita. Il Centro Speranza gli offre un ambiente sereno, circondato da amore e attenzioni che lo hanno aiutato a maturare da un punto di vista emotivo e relazionale.

 

Continua ad aiutare Gianluca ad affrontare le nuove sfide!

Gianluca sta imparando ad utilizzare la carrozzina elettrica che gli consentirà una maggiore autonomia, un passo importante in vista dell’inserimento nella scuola secondaria superiore che comporterà il confronto con nuovi compagni di classe e nuovi insegnanti, in un ambiente molto diverso da quello delle medie. Grazie al supporto degli educatori e dei terapisti del Centro Speranza, Gianluca sta imparando le regole della strada: rispettare lo stop, andare a destra, a sinistra, guardare con attenzione dove va. 

 

Continua a seguirci per scoprire di più sulla storia di Gianluca e della sua famiglia.. presto l’aggiornamento!
Pubblicato in centro speranza, news
DONA ORA